0
Il tuo carrello è vuoto!

Nella società moderna vederci bene è garanzia di successo, a scuola e nella maggior parte dei lavori che richiedono un impegno visivo prolungato, solo chi possiede un efficiente sistema visivo riesce ad affermarsi e a superare le difficoltà senza affaticarsi.

In ambito visivo un ruolo primario è svolto dalla refrazione oculare, è per essa che la maggior parte dei pazienti si rivolge ad uno specialista. Non da meno però sono importanti il ruolo dell'accomodazione e della visione binoculare.

Il test PIPIC è un test di tipo pseudoisocromatico per la rilevazione delle discromatopsie creato da Waggoner in modo che incorporasse i pregi colorimetrici dell'Ishihara, con l'aggiunta di variazioni nei numeri presentati e nelle geometrie e con l'introduzione di tavole per soggetti affetti da tritanopia (non valutata nella versione originale dell'Ishihara).

La sfera di fissazione trasparente rappresenta un valido aiuto al lavoro del professionista durante i controlli sui bambini piccoli perché offre la possibilità di evitare gli svantaggi generati da altri strumenti che normalmente si utilizzano per indurre il paziente a fissare un punto specifico per poter valutare il cover test, il punto prossimo di convergenza, la motilità oculare e la retinoscopia dinamica.

Questo test permette l'analisi delle interferenze della funzione visiva, che si riscontrano all'inizio e durante l'evoluzione delle maculopatie. La parola maculopatia, analoga a retinopatia, è qui usata per descrivere tutte le patologie della macula che, per la loro frequenza - diversità - gravità e spesso natura enigmatica, giocano un ruolo importante nelle malattie dell'occhio.